Archivi categoria: News

Ictus: Recuperare la parola con la Terapia Lorenz

Ictus: Recuperare la parola con la Terapia Lorenz

Il Resto del Carlino ha pubblicato, il 12 agosto scorso, un articolo che riporta uno studio della Fondazione Santa Lucia Irccs di Roma con l’Università di Napoli Federico II e l’Università degli Studi e l’Asst Santi Carlo e Paolo di Milano nel quale viene dimostrato che, attraverso la stimolazione del midollo spinale a livello toracico, migliora il linguaggio nei pazienti affetti da afasia in seguito ad ictus. In particolare, il miglioramento riguarda l’uso dei verbi.

Il Centro Biomedico Lorenz si avvale del Metodo Lorenz e di una Elettroterapia a Biofeedback che permette un’erogazione di impulsi negativi nell’ordine di microsecondi, consentendo un vero e proprio riequilibrio di situazioni alterate dal trauma e dalla malattia e, attraverso la partecipazione attiva del paziente, un coinvolgimento del sistema nervoso centrale.

Da anni trattiamo persone colpite da ictus ed i miglioramenti sono evidenti sia nel linguaggio che nel recupero della mobilità.

 

Fonti:

-”Il Resto del Carlino – Quotidiano Nazionale”, 12 agosto 2017, pag. 17.
-“Riabilitazione, stimolare il midollo spinale per migliorare il linguaggio”, 16 agosto 2017.
-“Moving Beyond the brain: Transcutaneous Spinal Direct Current Stimulation in Post-Stroke Aphasia”, 8 agosto 2017.

Trattamento cisti pilonidale con Terapia Lorenz

Trattamento cisti pilonidale con Terapia Lorenz

La cisti pilonidale è una cisti abitualmente localizzata all’apice del coccige, contenente peli, che dà frequentemente luogo ad una trasformazione in ascesso e fistolizzazione.
L’indicazione è quasi sempre chirurgica con conseguenti lunghe medicazioni dovute anche al fatto che, secondo le ultime linee guida, la ferita non viene suturata ma si deve chiudere per seconda intenzione (mentre in precedenza si lasciava un drenaggio).

Abbiamo avuto recentemente in trattamento un giovane con “Cisti pilonidale a sviluppo sottocutaneo, estesa longitudinalmente per circa 10-12 cm, avente spessore di 1 cm [...]” come da primo referto ecografico.
Dopo sole 10 sedute di Elettroterapia a Biofeedback secondo il metodo LorenzLa nota cisti pilonidale si è ridotta di spessore e contenuto: la porzione craniale è quasi virtuale (1,2 mm di spessore) [...]”.

Riportiamo la scannerizzazione delle due ecografie, datate 28/04/2017 e 06/06/2017, per permettere un preciso confronto.

Abbiamo continuato il trattamento, dopo l’ultima ecografia, per una risoluzione completa del caso.

Ginocchio algodistrofico: Risonanza prima e dopo la Terapia Lorenz

Ginocchio algodistrofico: Risonanza prima e dopo la Terapia Lorenz

Nel febbraio 2017, un signore di 65 anni ha effettuato una visita Specialistica presso il Centro Lorenz per un forte dolore al ginocchio destro.
Aveva già effettuato tre infiltrazioni con cortisonico, con esito molto scarso.
Viene prescritta una Risonanza Magnetica che viene effettuata in data 17/02/2017 e si inizia il trattamento.

Dopo il ciclo di Elettroterapia a Biofeedback, nessuno dei punti segnalati è clinicamente dolente.

La Risonanza viene ripetuta il 19/04/2017 e conferma che in soli tre mesi è avvenuta la riduzione del focolaio algodistrofico, quando l’evoluzione di questa patologia prevederebbe tempi molto più lunghi (circa un anno!).

Pubblichiamo le foto degli esiti delle due risonanze – prima e dopo – per un oggettivo riscontro.

 

Trattamento dei casi traumatici nella fase acuta: Terapia Lorenz

Trattamento dei casi traumatici nella fase acuta: Terapia Lorenz

La Terapia Lorenz è particolarmente efficace nei casi traumatici come distorsioni, stiramenti, lesioni tendinee con conseguenti flogosi e versamenti.
Una volta effettuata una diagnosi con tempi molto rapidi presso la nostra struttura (visita specialistica, ecografia), siamo subito in grado di impostare un trattamento efficace con apparecchiature dotate di programmi perfettamente calibrati rispetto al problema da trattate.

Ci troviamo così a risolvere velocemente casi che, con altre metodiche, comporterebbero tempi molto più lunghi e quindi sofferenze prolungate.

Citiamo due casi emblematici molto recenti:

  • Abbiamo trattato un caso di distorsione del ginocchio in un signore di 67 anni che, da settembre, si era sottoposto ad innumerevoli terapie fisiche ed anche infiltrative, presso altre strutture, senza esito.

Dalla prima seduta di Terapia Lorenz effettuata presso il nostro Centro, il dolore che lo accompagnava in modo assillante (e per il quale aveva anche difficoltà a dormire la notte), ha cominciato a diminuire tanto che ora, effettuato un ciclo di dieci sedute, gode di benessere e svolge il suo lavoro, tutto il giorno in piedi, con tranquillità.

  • Il secondo caso riguarda un signore di 49 anni che si era infortunato al gomito dx, con esito di epicondilite ed epitrocleite. Era stato trattato con infiltrazioni e cicli di FKT presso altre strutture ma, nonostante tutte le terapie eseguite, è giunto al nostro Centro ancora molto dolente.

Trattato con le nostre metodiche ha avuto un veloce miglioramento che si è stabilizzato dopo una decina di sedute, a dimostrazione che la Terapia Lorenz, se scelta in prima battuta, comporta un notevole risparmio di tempo, denaro e, soprattutto, dolore.

Curare la gastrite senza farmaci: Terapia Lorenz

Curare la gastrite senza farmaci: Terapia LorenzLa gastrite è un processo infiammatorio acuto o cronico dello stomaco.

Nei casi più gravi, può trasformarsi in ulcera gastrica.
Con la gastrite la mucosa dello stomaco si indebolisce e quindi i succhi digestivi possono danneggiare e infiammare le pareti dello stomaco.

I sintomi più evidenti sono:

  • bruciore alla bocca dello stomaco
  • eruttazioni frequenti
  • nausea
  • vomito
  • alitosi
  • gonfiore addominale.

È una patologia di cui soffre un numero elevato di persone e le cui cause sono molteplici, tra cui:

  • uso di antinfiammatori (FANS)
  • alimentazione
  • stress
  • Helicobacter Pylori.

Dopo un’accurata valutazione delle sintomatologie e degli esami clinici siamo in grado di trattare con il metodo Lorenz, elettroterapia a Biofeedback, questa patologia in modo efficace:

Le proprietà altamente antinfiammatorie e vascolarizzanti della Terapia Lorenz riducono i sintomi e le problematiche della gastrite fin dalle prime sedute e curano la mucosa dello stomaco.

Il sollievo è quasi immediato ed il benessere è di lunga durata.

 

Nevralgia del Trigemino: curarla con la Terapia Lorenz

Nevralgia del Trigemino: curarla con la Terapia LorenzLa nevralgia del Trigemino è caratterizzata da violento dolore nel territorio di distribuzione di una delle branche del nervo trigemino, più frequentemente la mascellare.

Il Trigemino è un nervo misto, sensitivo e motorio che trae origine dal nucleo masticatorio per la parte motoria, e da una colonna di sostanza grigia per la parte sensitiva.
Ha tre rami: oftalmico, mascellare e mandibolare.

Anche questa patologia viene trattata con la Terapia Lorenz: migliora e regredisce fin dalle prime sedute con risultati stabili e duraturi nel tempo.

Descriviamo due casi trattati entrambi nella primavera di quest’anno:

1) Una signora di 61 anni, sofferente da tre anni, si è rivolta al Centro in Maggio dopo che il dolore si era aggravato negli ultimi quindici giorni, mentre prima insorgeva soprattutto quando parlava molto o masticava.
Si trattava di una forma atipica di nevralgia del trigemino, con interessamento esclusivo della branca mandibolare.
Iniziato il trattamento c’è stato un miglioramento già dalla prima seduta fino alla regressione completa dei sintomi alla fine del ciclo.

2) Il secondo caso riguarda un signore di 63 anni, affetto da sclerosi multipla, in carrozzina da 29 anni, ed anche sofferente da 15 anni di nevralgia del Trigemino.
Aveva avuto un peggioramento importante nei 20 giorni precedenti alla nostra presa in carico, nonostante massicce assunzioni di Tegretol. Anche nel suo caso il trattamento con la Terapia Lorenz ha portato un netto miglioramento.

 

Terapia Lorenz e ossigenazione del sangue

Terapia Lorenz e ossigenazione del sangueUna delle condizioni per una buona salute generale è avere un buon sistema circolatorio. Il sangue ossigena tutto il nostro corpo e questo ci fa vivere.

Il sangue per circolare bene ha bisogno di una elevata carica elettrica negativa che è presupposto perché le cellule del plasma possano fluire liberamente.

Lo strato più profondo, all’interno dei vasi sanguigni, è l’endotelio vascolare, che quando è danneggiato può portare a coagulazione in quella zona. Se tutte le cellule del sangue hanno un’alta carica negativa, allora si respingeranno e si muoveranno liberamente attraverso i vasi sanguigni senza toccarsi l’un l’altra.

Di contro il sangue con una carica positiva porta ad aggregazione e coagulazione, quindi a malattia e degenerazione.

La Terapia Lorenz lavora su questo principio: “neurostimolazione selettiva di fibre nervose localizzate, a mezzo di impulsi negativi controllati, associata ad una partecipazione volontaria del soggetto”.

Da questo presupposto origina la straordinaria efficacia e la incredibile versatilità della Terapia Lorenz, che non agisce solo sul dolore, ma sulla CAUSA del dolore e sul disequilibrio dei distretti corporei da curare.

Questo metodo agisce dall’epidermide agli organi interni fino alle ossa, persino nel cervello attraverso la scatola cranica inducendo in tutte le strutture che incontra miglior irrorazione sanguigna e miglior ossigenazione.

Per conoscere l’elenco delle patologie trattate clicca qui.

 

Photo credit: Amon-Ra123m5 via Foter.com / CC BY

I vantaggi della “ginnastica” col Biofeedback

I vantaggi della ginnastica col Biofeedback

Il Biofeedback è uno strumento che consente di attivare muscoli selezionati, avendo un ritorno uditivo e visivo della contrazione volontaria, che permette al soggetto di capire come contrarre e rilassare un determinato gruppo muscolare.

Il paziente è collegato all’apparecchiatura attraverso degli elettrodi che rilevano l’attività di un gruppo muscolare che viene trasformata in segnali sonori e visivi.
Questo permette di attivare strategie di controllo tali che, una volta appreso questo meccanismo, il soggetto sarà in grado di gestire quel gruppo muscolare e quella zona del corpo che precedentemente non era in equilibrio.

Già a partire dagli anni ’60 del secolo scorso ci furono studi e sperimentazioni che dimostravano come, col Biofeedback, si potessero far recuperare i movimenti perduti a pazienti affetti da diverse lesioni neurologiche (Marinacci e Honende).
Dal 1960 l’evoluzione del Biofeedback è stata rapidissima.

Presso il Centro Biomedico Lorenz, da oltre ventidue anni, utilizziamo il Biofeedback su gruppi muscolari che, a seguito di processi artrosici, infortuni o ingessature, si sono indeboliti ed irrigiditi.
Attraverso questo strumento si insegna al paziente a contrarli e a rilassarli volontariamente, in modo non doloroso, ripristinando la funzionalità in tempi rapidi perché viene coinvolto il Sistema Nervoso Centrale attraverso le vie afferenti.

Oltre che per la riabilitazione, utilizziamo gli esercizi di Biofeedback per il trattamento degli arti inferiori per migliorare la circolazione, ridurre la sensazione di pesantezza, ridurre il gonfiore, migliorare il tono muscolare.
Si posizionano degli elettrodi di superficie sugli arti inferiori e si chiede al paziente di contrarli e rilassarli in modo che, concentrandosi, riesca a gestire il movimento innescando così i sistemi di controllo cerebrali.
Conseguente a questo trattamento è anche un importante risultato estetico con riduzione dei pannicoli adiposi e della cellulite dovuti all’aumento della vascolarizzazione, del tono muscolare e dell’elasticità dei tessuti.

E’ importante sottolineare che questi risultati saranno duraturi nel tempo perché dovuti ad un effettivo miglioramento circolatorio, muscolare e dall’ossigenazione dei tessuti.